The Boys stagione 1, si poteva fare meglio?

Come Patriota, sono volato su queste pagine per dire la mia sulla stagione 1 di The Boys, una serie che mi avevate consigliato in tanti di vedere, e che stupidamente, ho rimandato fino a questi giorni, quando preso da una inspiegabile voglia di serie tv, mi sono detto “diamogli una possibilità”.

E cavolo se mi sono pentito di non averlo fatto prima!

Per chi non conoscesse la serie, The Boys racconta la storia di un ragazzo qualunque che arriva a scontrarsi con qualcosa molto fuori dalla sua portata.

Siamo in un mondo dove i super eroi sono pubblicamente in mezzo a noi e con la loro immagine e con le loro attività muovono il mercato globale.
Un ambientazione simile a quella di My Hero Academia se vogliamo, dove le persone dotate di super poteri girano nel mondo insieme alle persone “normali”, ammirati ed osannati dalla società per via delle loro particolarità.

In The Boys i super eroi sono gestiti dalla Vought American, una società americana (..e dove pensavate fosse ambientata se non in America?) che promuove i super facendoli diventare letteralmente delle celebrità.

Dal cinema alle pubblicità dei prodotti, passando attraverso i diversi festival ambientalisti e per ogni attività che vi viene in mente. Per ogni cosa c’è un super adatto al ruolo, ma non tutti i super sono uguali, ci sono eroi di serie A ed eroi di serie B, ed i 7 sono i migliori sul campo.

L’élite della Vought American, il vero volto dell’eroe americano. I sette sono persone perfette sotto ogni aspetto, magnanimi, protettrici dell’America e di ogni americano e pronti a tutto per difendere il paese ed ogni suo cittadino.

Almeno sulla carta.

the boys stagione 1

Ovviamente The Boys nasconde un lato violento e molto controverso che ha reso questa prima stagione una delle cose più interessanti e belle che ho avuto il piacere di guardare nei giorni scorsi.

La maschera da “eroe perfetto” dietro la quale i sette si nascondono verrà presto distrutta, e non penso sia nemmeno troppo uno spoiler, ma non aspettatevi che il bello di questa serie sia solo il vedere come A-Train si droga per restare il più veloce del globo o come il Patriota minacci gli altri sei, o chiunque altro incontri, per far valere la sua potenza.

Il bello della prima stagione di The Boys arriva sul fondo, come in ogni telefilm che si rispetti.
Le ultime puntate della serie sono un crescendo di rivelazioni e colpi di scena che vi lasceranno sempre più sconvolti e vi faranno diventare impazienti di guardare la seconda stagione. Ovvero lo stato in cui sono io al momento.

Non vorrei far spoiler, quindi se volete vederla potete farlo gratis (si fa per dire, ovviamente) su Amazon Video.
Vi ricordo che se siete clienti Prime, Amazon Video è incluso nella spesa.

Tuttavia, se volete guardare The Boys, non aspettatevi un film alla super eroi della Marvel, non aspettatevi troppe scene di lotte con poteri infiniti o altro.
The Boys è un thriller con l’aggiunta di qualche potere magico. Spionaggio, battaglie industriali e molta violenza ed odio gratuiti, questo è il motto di questa serie targata Amazon.

Momento spoiler solo per i più temerari ora.
Tutti gli altri non leggano le righe qui sotto.

SPOILER:

Ora io capisco tutto e la serie mi è piaciuta davvero tanto…ma sono l’unico che si aspettava che la moglie di Butcher fosse ancora viva e che vivesse con il figlio di Patriota nato dallo stupro? Sempre che ti stupro si parli a questo punto..

Vado a guardarmi la seconda stagione va…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.